Moto Guzzi Forever

STORIA E MODELLI

di Daniele Buzzonetti e Paolo Conti

  • 272 pagine 
  • ill. a colori e b/n 
  • Formato: size cm 25,3×29,6
  • Paper: matt
  • Rilegatura: brossura in filo refe

45.60

ISBN: 978-88-7792-184-0 Categoria:

Descrizione

Forse solo i più entusiasti, tra i tanti appassionati della Moto Guzzi, sono a conoscenza della affinità tecnica tra il motore ‘monocilindrico’ della ‘250’ da corsa della Casa di Mandello e il V12 delle prime Ferrari. Una parentela sorprendente che si spiega con l’apprezzamento del grande tecnico Gioachino Colombo per il motore che Carlo Guzzi aveva ideato per la moto da corsa, ai vertici dei GP con i nomi di ‘Albatros’ e ‘Gambalunghino’. Negli anni successivi alla fine della guerra, Colombo ha progettato il motore della prima Ferrari e ha tenuto conto dei concetti di Mandello: distribuzione ad albero a camme in testa, con bilancieri e molle delle valvole a spillo, misure di alesaggio e corsa, uguali tra loro nei valori o con minime differenze. Così, il primo V12 di Maranello arrivato ai fatidici ‘3000 cc’, era un ‘Guzzi’ moltiplicato per 12: stesso alesaggio e stessa corsa (68×68 mm) e ovviamente identica cilindrata unitaria: 246,8 cc. 

È una delle tante storie curiose, contenute in questo volume che affianca il racconto delle vicende che hanno caratterizzato la cronologia del marchio (ben cinque importanti avvicendamenti societari, dall’iniziale connubio tra Carlo Guzzi e la famiglia genovese Parodi, fino all’ingresso nel Gruppo Colaninno), alla descrizione di tutti i modelli usciti dalle mitiche ‘officine’ di Mandello del Lario, da strada e da corsa. 

Fenomeno tipicamente italiano, profondamente legato alla personalità del prodotto, Moto Guzzi non ha mai creato moto banali: migliorando continuamente tecnica e stile, senza però tradire l’originalità.

Fedele al motore bicilindrico a V di 90°, concepito per il ’turismo veloce’, Moto Guzzi è riuscita a dimostrare che anche con quella tecnica tipicamente ‘stradale’ potevano essere affrontate le corse. Lo conferma il racconto particolareggiato dell’epopea delle gare per moto ’derivate di serie’ degli Anni ’70 e delle ancor più clamorose vittorie nella ‘Battle of the Twins’ di Daytona, nel primo decennio di questo secolo.